La pomarola che faceva la mi’ mamma… E probabilmente anche la mi’ nonna.

Questa pomarola non ha bisogno di soffritti, neppure leggeri, per questo da molti è considerata più “sana” di altri tipi di sughi.

Prendere:

7/8 etti di pomodori maturi (la mia mamma utilizzava i pomodori tipo San Marzano, usati classicamente per i sughi ma io ci metto quelli che ho quando sono molto maturi);

image

image

una bella carota;

un gambo di sedano;

una grossa cipolla (preferibilmente bianca o dorata, ma se ce l’abbiamo rossa va bene lo stesso);

basilico, una decina di foglie;

olio extra vergine d’oliva;

sale.

Pulire e fare a pezzetti la cipolla, il sedano e la carota; metterli a lessare in una pentola con un po’ d’acqua. La mia mamma metteva una quantità maggiore di “odori”  ed a volte lo faccio anch’io.

image

image image image

Quando gli odori sono un po’ ammorbiditi, aggiungere i pomodori fatti a pezzi e il basilico.

Far cuocere a fiamma bassa, lentamente.

Appena gran parte dell’acqua è ritirata, passare tutto al passaverdura finché resteranno solo le bucce dei pomodori e le fibre del sedano.

image image image

Regolare il sale e condire con l’olio. Se necessario rimettere il sugo  sul fuoco finché non raggiunge la consistenza desiderata.

Questa pomarola è buona con numerosi tagli di pasta.

image image image

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure, Vecchi Mangiari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...