Archivi del mese: gennaio 2015

Cavolo nero con le salsicce

In passato, in montagna, durante la stagione invernale c’erano, a disposizione delle famiglie, il cavolo nero e le rape, buoni da mangiare quando avevano preso una “ghiacciata”. Con questi ingredienti, separatamente o insieme, si mangiavano le salsicce

image

Di solito metto nel campo i cavoli neri al posto dei fiori ma quest’anno, con tutta la pioggia che è caduta d’estate, li ho piantato così tardi che non hanno fatto in tempo a crescere… Ma un’anima buona me ne ha dati un po’ già cotti! Grazie Gianfranco! 🙂

Ingredienti per due persone

Una palla di cavolo nero già lessata

(o un cavolo nero da cuocere, beh, secondo le dimensioni… Ma quando è lessato, se è troppo, si può congelare. Per cuocerlo è necessario staccare la parte verde scuro della foglia dal gambo duro e dai filamenti più coriacei e lavarlo bene. Successivamente, lessarlo in acqua leggermente salata, lasciarlo raffreddare ed infine strizzarlo, facendone delle palle)

aglio

olio extra vergine d’oliva

salsicce

sale

image

Cuocere le salsicce in padella con un po’d’olio e dell’aglio.

Nel frattempo, prendere il cavolo nero (o le rape), lessato e strizzato, e tritarlo sul tagliere con la mezzaluna.

imageimage

Quando sono cotte, togliere dalla padella le salsicce e metterle da parte. Far “saltare” il cavolo in padella con il sughetto lasciato dalle salsicce.

Lo considero pronto (ma questo è veramente un gusto personale) quando il cavolo (o le rape) fanno un po’ di crosticina.

image

Unire al cavolo le salsicce e lasciare insaporire per qualche minuto.

image

È buono servito con pane toscano e e del buon Chianti! 🙂

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", Secondi di carne di maiale

Pasta con verdure avanzate…

Avevo un finocchio che non sapevo come utilizzare, ho provato a tirarci fuori un primo piatto alle verdure… Non male il risultato!

image

Ingredienti per due persone

160 g di pasta a piacere

un finocchio

due carote piccole

un pezzo di gambo di sedano

una piccola cipolla

un aglio

sale e pepe (o peperoncino)

olio extra vergine d’oliva

parmigiano o grana

image

Ho tagliato a fette sottili il finocchio, le carote e le altre verdure poi le ho messe a cuocere lentamente  con l’olio in padella, girandole spesso affinché non “attaccassero”.

Ho cotto la pasta, l’ho scolata e l’ho aggiunta alle verdure.

L’ho fatta insaporire per alcuni minuti, l’ho messa nei piatti, ho aggiunto il formaggio e l’ho decorata con il pepe e un ciuffetto di finocchietto, si può utilizzare anche la foglia, quella più delicata, del finocchio ma non ne avevo.

image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure

Orecchiette con calamari, cime di rapa e bottarga

Continuo a puntare sulle cime di rapa! Eccole sposate con i calamari!

image

Ingredienti per due persone

160 g di orecchiette

olio extra vergine d’oliva, aglio e peperoncino

image

L’aglio va bene schiacciato o tagliato a pezzetti, deve insaporire l’olio e non essere sbruciacchiato. Poi, se piace, si schiaccia bene e se ne fa una cremina mentre cuoce, altrimenti si toglie.

500 g di calamari

image

Puliti e lavati, poi tagliati ad anelli, infine messi in padella a cuocere.

Bagnare con del VINO BIANCO e portare a cottura. Salare.

Aggiungere due cucchiaini di BOTTARGA e lasciare insaporire.

Nel frattempo, cuocere le orecchiette con le CIME DI RAPA, scolarle e unirle al sugo in padella.

Far insaporire la pasta e servire.

image

image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Pasta con cime di rapa, bottarga e vongole

Prima ho sostituito, alla ricetta classica con le orecchiette, le acciughe con la bottarga… Poi ho provato ad aggiungere le vongole. Il risultato in entrambi i casi è ottimo. Ah! Ho cambiato anche la pasta! 🙂

image

Con vongole veraci fresche o, anche, vongole in guscio surgelate.

Ho sostituito le orecchiette con le linguine o le tagliatelle all’uovo.

Ingredienti per due persone

160 g di pasta

aglio e peperoncino

imageimage

olio extra vergine d’oliva

vino bianco

due manciate di cime di rapa pulite

bottarga di tonno

6/7 etti di vongole

sale

image

Queste erano vongole veraci fresche, le ho messe a spurgare per alcune ore e poi le ho fatte aprire in una pentola con olio, aglio, peperoncino e vino bianco. Ho tolto un po’ di gusci, ho filtrato il sughetto e poi le ho aggiunte in padella all’olio, profumato con aglio e peperoncino.

image

Queste invece erano surgelate e le ho fatte aprire direttamente in padella con olio, aglio, peperoncino; poi le ho insaporite col vino bianco. Ho salato.

image

In entrambi i casi ho aggiunto due cucchiaini di bottarga, per farla ammorbidire e unire meglio al condimento.

image

Intanto avevo messo nella pentola, dove poi ho cotto anche la pasta, le cime di rapa.

image

Sbollentate le verdure, ho aggiunto la pasta e l’ho portata quasi a cottura.

L’ho scolata insieme alle cime di rapa, “buttata” in padella e fatta saltare.

Ecco il risultato con le linguine e con le tagliatelle.

image

image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei, Primi di pasta a base di verdure, Senza categoria

Linguine con cime di rapa e bottarga

image

È periodo di cime di rapa, la pasta classica con le orecchiete è davvero eccellente… Ma non si può cucinare sempre lo stesso piatto. Così mi è venuto in mente di aggiungere la bottarga.

Ci sono già le acciughe, quindi ho pensato che il sapore della bottarga potesse starci bene.

Ingredienti per una persona

Pasta 80 g

due acciughe sottolio

un cucchiaino abbondante di bottarga di tonno

aglio, peperoncino, sale

un pugno di cime di rapa nettate dai gambi duri

olio extra vergine d’oliva

image  Mettere il cucchiaino di bottarga ad ammorbidire nell’olio.

image  Mettere le cime di rape a cuocere.

image Sciogliere le acciughe nell’olio con peperoncino, aglio e olio.

image  Unire la pasta all’acqua dove cuociono le cime di rapa.

Appena è cotta, scolare e saltare in padella, aggiungendo la bottarga ammorbidita con il suo olio.

Impiattare e decorare con un pizzico di bottarga grattugiata… Se ne avete un filetto mettetene alcune fettine.

image  image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure

Caserecce al cavolo romano

image image

La ricetta è quella classica con cavolo lessato, acciughe sottolio, aglio, peperoncino e olio extra vergine d’oliva

Sciogliamo nell’olio con aglio e peperoncino, sul fuoco a bassa temperatura, le acciughe.

Aggiungiamo il cavolo è facciamolo insaporire.

A questo punto possiamo o schiacciare il cavolo mentre lo facciamo insaporire oppure lo frulliamo come ho fatto io in questo caso.

image

Uniamo il formaggio, quello che preferiamo; in questo caso ho messo, un po’ sciolto nel sugo e un po’ sopra per decorare, dell’emmental che avevo in casa.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure