Archivi categoria: “Macarò, m’hai provocato e…”

Linguine al nero di seppia con sugo di molluschi e crostacei

Ingredienti per sei persone

Mezzo chilo di linguine al nero di seppia

un chilo di vongole

6 scampi

4 etti di gamberetti

4 etti di calamari

3 etti di seppie

prezzemolo, peperoncino, timo e aglio

10 pomodori ciliegino

olio extravergine d’oliva

vino bianco

sale grosso e sale fino

Mettere le vongole a spurgare in acqua e sale per alcune ore. Cambiare l’acqua, più volte e verificare che le vongole siano pulite. Mettere in una padella gambi di prezzemolo, aglio e olio poi unire le vongole, coprire e farle aprire.

Pulire e lavare scampi e gamberetti. Togliere il carapace a metà dei gamberetti e le zampette agli altri.

Lavare bene seppie e calamari, tagliarli a  striscioline.

Mettere a scaldare l’acqua per la pasta. Salarla.

In una grande padella porre gambi di prezzemolo, timo, aglio tritato e olio, far scaldare e poi unire seppie e calamari; dopo 5 minuti unire anche gli scampi e i gamberi con il carapace; infine aggiungere i gamberetti puliti, il peperoncino e i pomodorini a pezzetti. Bagnare con il vino bianco.

Togliere le vongole da due terzi dei gusci e metterle in padella. Filtrare il sughetto delle vongole e incorporarlo al sugo. Aggiustare il sale.

Cuocere la pasta e, quando è ancora al dente, scolarla e buttarla in padella.

Farla insaporire, aggiungere del prezzemolo fresco tritato, le vongole con il guscio e servire.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Tagliatelle all’uovo, speck e stracciatella

A volte capita di pensare: “Ho voglia di pasta… ma come la condisco? Apriamo il frigo e guardiamo che cosa c’e!”

Oggi ho trovato stracciatella (per una porzione era sufficiente) e speck.

Proviamo!

Tagliare a striscioline lo speck (40/50 g), metterlo in padella con olio caldo e farlo cuocere fino a renderlo croccante.

Quando le tagliatelle sono cotte scolarle e metterle in padella con lo speck, aggiungere metà della stracciatella e mantecare.

Mettere nel piatto e decorare con il resto della stracciatella.

Aggiungere una macinata di pepe e servire.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di carne, Primi veloci

Pasta al pomodoro fresco e stracciatella

Ingredienti per una persona

qualche filo di erba cipollina, ne ho approfittato avendone un po’

selvatica davanti a casa (ma potete usare anche cipolla o aglio)

Una decina di pomodori ciliegino (o 150/200 g di polpa di pomodoro)

tre cucchiai di stracciatella

un pizzico di peperoncino piccante

olio extra vergine d’oliva

basilico fresco

80/90 g di pasta (farfalle)

sale

Mettere due giri d’olio in una padella piccola, unire l’erba cipollina tagliata a rondelle e poi aggiungere i pomodorini possibilmente spellati. Salare e aggiungere peperoncino e basilico; far cuocere.

Nel frattempo cuocere la pasta, scolarla, farla saltare nel sugo di pomodoro, metterla nel piatto e decorare con la stracciatella e il basilico fresco.

 

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure, Primi veloci

Risotto porro e carciofi

Ingredienti per una persona

Un carciofo

un pezzo di porro (10 cm circa)

90 g di riso arborio

olio extra vergine d’oliva

emmenthal o/e asiago (o altro formaggio simile)

un pentolino di brodo

(una noce di burro, se si vuole)

 

Pulire il carciofo, togliendo le foglie esterne, l’eventuale peluria interna e tagliando la punta delle foglie restanti; affettarlo a spicchi sottili.

Lavare e tagliare a rondelle il porro.

Mettere “un giro d’olio” in una pentola, farlo scaldare e unire le verdure.

Aggiungere un po’ di brodo, se serve, e farle cuocere per alcuni minuti.

Unire e far insaporire il riso.

Continuare la cottura aggiungendo un po’ di brodo quando il riso si asciuga.

Girare e controllare il riso costantemente.

Quando è quasi cotto unire il formaggio e, se piace, la noce di burro.

Servire.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Risotti

Risotto al sugo di carne della montagna pistoiese

Quando ero piccola il risotto era fatto con il ragù che da noi era IL SUGO, quello che si preparava per il pranzo della domenica.

Dunque, ho preparato il  sugo (ragù) di carne come “lo faccio io, come lo faceva mia mamma e la sua…”  (seguire il link).

Ingredienti per una persona

80/90 g di riso arborio

tre cucchiai di ragoût

1/4 di cipolla

brodo di carne

formaggio grana padano

un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva

sale

alcuni aggiungono anche un pezzo di fegato (di coniglio o pollo) tritato.

Tagliare a fettine sottili il pezzo di cipolla, metterla in pentola con l’olio, farla appassire, unire il riso e farlo insaporire con la cipolla.

Aggiungere  un cucchiaio di sugo, il pezzo di fegato tritato e cuocere il riso bagnandolo costantemente con il brodo.

A fine cottura aggiungere un altro cucchiaio di ragù e il grana grattugiato.

Impiattare e decorare con un altro po’ di ragù.

 

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Risotti, Vecchi Mangiari

Pasta cannellini e gamberetti

Ingredienti per una persona

pasta corta, malloreddus o caserecce, o… 80 grammi

un pugno di gamberetti freschi con il carapace

un pugno di fagioli cannellini (secchi o precotti)

2 foglie di salvia

un pizzico di paprica forte

uno spicchio d’aglio

un piccolo scalogno

olio extra vergine d’oliva

mezzo bicchiere di vino bianco

sale

Cuocere i gamberetti in acqua salata, scolarli, eliminare il guscio, filtrare il brodetto ottenuto.

Lasciare il brodetto al caldo.

In una padella mettere lo scalogno tritato e la salvia con l’olio, unire metà dei fagioli e schiacciarli. Cuocere lentamente per alcuni minuti aggiungendo qualche cucchiaio del brodetto filtrato.

In un’altra padella mettere l’aglio tagliato a pezzetti (o tritato, se piace e non lo si vuol togliere) e i gamberetti puliti dal carapace, lasciar insaporire e bagnare quando necessario con il  vino bianco. Unire gli altri fagioli rimasti interi e la paprika. Far insaporire lentamente a fuoco basso. Salare.

 

Buttare la pasta nella padella con lo scalogno e bagnare con il brodetto, cuocerla come si fa con il riso. Salare.

A cottura quasi ultimata unire quasi tutti i gamberetti e i fagioli.

Terminare la cottura.

Impiattare.

Aggiungere un po’ di brodo e di vino nella padella con  i gamberetti  rimasti per sfruttare tutto il “sapore” rimasto e, infine, mettere il condimento sulla pasta.

 

 

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Linguine stracciatella, pomodorini secchi e basilico

(*) La stracciatella è un formaggio fresco pugliese composto da straccetti di mozzarella e panna fresca, dalla consistenza morbida e delicata, è buonissima!

Ingredienti per due persone

170 g di linguine

stracciatella(*) o burrata

6 foglie di basilico

pomodorini pachino secchi

qualche pomodoro ciliegino fresco

due spicchi d’aglio

olio extra vergine d’oliva

sale, peperoncino qb

 

Lavare il basilico, tagliarlo, unirlo con un po’ d’olio alla stracciatella.

Mettere a bollire l’acqua e cuocere la pasta.

In una padella mettere l’olio, i pomodorini secchi e i pomodori freschi, il peperoncino, l’aglio spezzettato.

Appena la pasta è cotta molto al dente, scolarla, buttarla in padella e lasciarla un minuto ad insaporire.

Intanto mettere nel fondo del piatto la stracciatella, coprire con la pasta condita e decorare con un cucchiaio di stracciatella.

Il contrasto della pasta calda con la stracciatella fresca è veramente delizioso.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure, Senza categoria

Pasta corta risottata alle verdure (invernali)

Ingredienti per due persone

170 g di pasta corta

mezzo porro

una carota

una patata

un pezzo di costola di sedano

due carciofi

olio extra vergine d’oliva

mezzo litro di brodo di verdura

parmigiano reggiano

sale e pepe qb.

Pulire, tagliare a spicchi e mettere in acqua e limone i due carciofi.

Lavare e tagliare le altre verdure.

Scaldare il brodo.

Mettere le verdure in una padella con olio extra vergine d’oliva. Aggiungere i carciofi e farle soffriggere leggermente, bagnare con il brodo se necessario.

Dopo 5 minuti unire la pasta e aggiungere il brodo, un po’ alla volta,  come si fa con il risotto.

Mescolare costantemente finché la pasta non sia cotta.

Mettere la pasta nei piatti e condire con il formaggio grattugiato e il pepe nero.

Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure

Spaghetti al polpo

Ingredienti per due persone

I tentacoli di un polpo

170 g di linguine

due spicchi d’aglio

prezzemolo

mezzo bicchiere di vino bianco

olio extravergine d’oliva

peperoncino e sale qb

Tagliare i tentacoli e utilizzare il resto per una buona insalata di polpo con il prezzemolo.

Mettere i tentacoli in una padella con olio, aglio e i gambi del prezzemolo. Lasciar cuocere per circa mezz’ora. Quando iniziano ad essere cotti, tritarli, rimetterli in padella e concludere la cottura dopo averli bagnati con del vino bianco.

Nel frattempo mettere l’acqua sul fuoco e cuocere gli spaghetti. Scolarli quando sono ancora molto al dente e concludere la cottura immergendoli nel sugo di polpo.

Mettere nei piatti decorando con alcune foglie fresche di prezzemolo.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei, Secondi di carne di manzo

Pasta al cavolo broccolo e formaggi

Ingredienti per due persone

Acquistare un cavolo broccolo piccolo, 170 g di pasta corta, pecorino romano, un etto di ricotta, una bustina di zafferano, olio extra vergine d’oliva, uno spicchio d’aglio, un peperoncino fresco, sale qb.

Lavare il cavolo broccolo e dividerlo in cimette, portare ad ebollizione dell’acqua salata e buttarvi il cavolo. Far cuocere per 5 minuti e scolare. In una padella mettere l’aglio tritato e il peperoncino spezzettato in quattro cucchiai d’olio, unire il cavolo e lasciarlo insaporire; se necessario aggiungere qualche cucchiaio dell’acqua di cottura del cavolo.

Mettere a bollire l’acqua e cuocere la pasta.

Intanto sciogliere lo zafferano in acqua tiepida e unire la ricotta.

Grattugiare grossolanamente  il pecorino romano.

 

Quando la pasta è quasi cotta scolarla e metterla in padella con il cavolo. Girarla bene e lasciarla insaporire. Aggiungere la ricotta e parte del formaggio, poi mettere nei piatti decorando con il formaggio rimasto.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure