Archivi categoria: “Macarò, m’hai provocato e…”

Pasta al tonno fresco e melanzane, mandorle e pistacchi

Ingredienti per due persone

linguine, 180 g;

120 g di tonno fresco

    

mezza melanzana, 200/250 g; 

10 mandorle e 10 pistacchi;

5/6 pomodorini datterini;

1 aglio;

5 foglie di basilico;

sale, pepe;

mezzo bicchiere scarso di vino bianco;

scorza di limone biologico;

olio extra vergine d’oliva.

 

Tagliare a pezzetti il tonno e cuocerlo in padella con un po’ d’olio, un goccio di vino bianco, sale e pepe.

Mettere da parte il tonno cotto, tagliare a cubetti la melanzana e cuocerli nella padella del tonno con un pezzo dello spicchio d’aglio, sale e pepe; un goccio di vino.

Mettere a scaldare l’acqua per la pasta, aggiungere un pugnetto di sale grosso e quando bolle “buttare” le linguine.

Spezzettare i pomodorini e unirli alle melanzane e al tonno cotto.

Tritare le foglie di basilico e il pezzetto d’aglio rimasto, con mandorle e pistacchi. Unirne la metà agli ingredienti in padella.

Scolare la pasta, metterla in padella con un po’ dell’acqua di cottura e mischiare bene gli ingredienti.

Mettere la pasta nei piatti, condirla con il trito rimanente e con la scorza grattugiata del limone biologico.

 

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Necci di farina di grano

di nonna Corinna

Ingredienti

Farina di frumento
acqua e latte
a piacere: rigatino o formaggi pecorini freschi

Come si fa

Si “spenge” la farina in acqua e latte, fino ad avere una consistenza nè troppo liquida nè troppo dura, insomma deve stare sui testi con i quali si fanno i necci.

Si procede come se facessimo un neccio di farina di castagna: si mette la crema su un testo e poi si schiaccia con l’altro, dopo aver unto i testi con l’olio (aiutandosi con una patata tagliata a metà).

Quando è ben cotto e caldo si mette il rigatino o il formaggio e si arrotola.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e..."

Farfalle asparagi, agretti e bottarga

Ingredienti per due persone

170 g di farfalle

10 asparagi

una manciata di agretti

mezza cipolla

10 pomodori datterini

olio extra vergine d’oliva

bottarga di muggine

un goccio di vino bianco

sale e, se piace, un pizzico di peperoncino

 

Affettare finemente la cipolla e metterla in padella con l’olio; aggiungere gli asparagi, tagliare le punte e fare a piccoli pezzi il resto dell’asparago.

Mettere il goccio di vino bianco; unire, prima, gli agretti puliti e, poi, i pomodorini tagliati a pezzi.

Portare ad ebollizione nel frattempo l’acqua e cuocere la pasta. Scolarla, unirla al sugo in padella con un po’ di bottarga. Impiattare e decorare il piatto con una pizzico di bottarga.

 

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure

Antichi Mangiari: I MATTUGI, minestra di cavolo nero e farina di mais

Ingredienti

un cavolo nero
400 g di fagioli borlotti
3 patate
3 carote
un gambo di sedano
una cipolla
500 g di farina di mais
olio extra vergine d’oliva
aglio
ramerino

Come si fa

La sera prima mettere a bagno i fagioli borlotti in una bacinella piena d’acqua.
Fare un soffritto con aglio e ramerino, tagliare a pezzetti le verdure e unirle al soffritto, aggiungere un po’ d’acqua e lasciar cuocere. Dopo circa mezz’ora aggiungere la farina di mais e lasciar cuocere. Se necessario, aggiungere altra acqua calda.
Servire caldo oppure lasciar raffreddare in un piatto.
Se ne avanza, tagliare la polenta con le verdure a strisce di tre centimetri e friggere nell’olio.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Minestre e farinate con legumi e cavolo, Vecchi Mangiari

Risotto zucca, porro e formaggi

 

Ingredienti per due persone

Due etti di riso arborio

mezzo porro

3 etti di zucca (pulita)

due cucchiai di mascarpone

due cucchiai di gorgonzola

brodo vegetale

una noce di burro

olio extravergine d’oliva

Come si fa

Lavare e tagliare a fettine il porro, metterlo a rosolare con olio e burro.

Aggiungere il riso e farlo tostare per un minuto, poi iniziare a bagnarlo con il brodo.

Dopo un paio di minuti unire la zucca tagliata a pezzetti di varie dimensioni e continuare a girare il composto.

Un minuto prima che il riso sia giunto a cottura unire i formaggi e mantecare.

 

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Risotti

Risotto con salsiccia e taleggio

Ingredienti per due persone

2 etti di riso arborio

due salsicce fresche

un etto di taleggio

una piccola cipolla

mezzo bicchiere di vino bianco

brodo di carne

una noce di burro

olio extravergine d’oliva

sale e pepe

Tritare la cipolla, metterla in pentola con l’olio e la noce di burro; farla imbiondire; unire la salsiccia pulita dalla pellicina e spezzettata; farla rosolare.

Aggiungere il riso, farlo tostare, bagnare con il vino e lasciarlo sfumare.

Iniziare a bagnare con il brodo, poco alla volta,  girando costantemente il riso.

Quando il risotto è giunto quasi a cottura unire il taleggio tagliato a piccoli pezzi e mantecare.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Risotti

Minestra di lenticchie e riso

 

Ingredienti per due persone

150 g di lenticchie

100 grammi di riso

un pezzetto di cipolla

uno spicchio d’aglio

tre foglie di salvia

un piccolo ciuffo di prezzemolo

un pezzo di costola di sedano

alcuni pomodori maturi

pecorino grattugiato (o parmigiano)

olio extra vergine d’oliva (un tempo in montagna non veniva usato l’olio d’oliva ma il lardo o la cotenna di prosciutto, in ogni casa, infatti, era allevato un maiale che permetteva di mangiare un po’ di carne a, quasi, tutti)

Preparazione

Preparare un battuto di aglio, prezzemolo, salvia e cipolla. Farlo rosolare nell’olio  e intanto mettere a scaldare dell’acqua.

Unire il sedano e i pomodori fatti a pezzetti.

Aggiungere l’acqua calda e le lenticchie; lasciar cuocere a fuoco basso.

Quando le lenticchie saranno diventate morbide aggiungere il riso e terminare la cottura (i tempi sono legati alle dimensioni delle lenticchie e al tempo di cottura del riso che si trova sulla confezione).

Mettere nel piatto la minestra e condire con il pecorino grattugiato.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Minestre di legumi

Pasta al polpo

Ricetta suggerita da Rolando, pesciaio che il giovedì è al mercato di San Marcello Pistoiese.

Ingredienti per due persone

quattro bei tentacoli di polpo (due a persona);

una carota piccola

un pezzetto di costola di sedano

una piccola cipolla

sale

peperoncino

olio extra vergine d’oliva

Preparazione

Mettere il polpo a bollire con carota, sedano, cipolla e sale.

Lasciarlo a lessare per circa 40 minuti, farlo raffreddare nel brodo di cottura.

Tagliarlo a pezzetti.

Raccogliere le verdure cotte e frullarle, metterle in padella con olio e peperoncino.

Cuocere la pasta nell’acqua di cottura del polpo o cuocerla insieme alle verdure, aggiungendo l’acqua di cottura quando serve.

Se abbiamo cotto la pasta in abbondante acqua, scoliamola alcuni minuti prima che sia pronta e terminiamo di cuocerla in padella, insieme alle verdure frullate e al polpo fatto a pezzi.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Risotto al radicchio trevigiano, taleggio e noci

Ingredienti per una persona

90 g di riso (arborio)

mezzo cespo di radicchio trevigiano

uno scalogno piccolo

50 g di taleggio

olio extra vergine d’oliva

una noce di burro

una tazzina di vino bianco

due noci

Tritare lo scalogno, metterlo in pentola con burro e olio e farlo imbiondire.

Unire il riso, tostarlo per un minuto, bagnarlo con il vino bianco.

Quando il vino è sfumato, bagnare il riso con un ramaiolo di brodo. Continuare ad aggiungere il brodo un po’ alla volta quando il riso si asciuga.

A circa metà cottura unire il radicchio rosso tagliato a pezzetti.

A fine cottura mantecare con il formaggio e una parte delle noci tritate.

Impiattare e decorare con le restanti noci.

 

 

 

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Risotti

Al contadino non far sapere quanto è buono il cacio con le pere… Risotto formaggio e pere

Ingredienti per una persona

Con taleggio

Con il Brie

70 g di taleggio o Brie

20 g di parmigiano grattugiato

mezza pera abate

un piccolo scalogno

mezzo bicchiere di riso arborio (circa 90 g)

due noci

timo

una noce di burro

olio extra vergine d’oliva

brodo vegetale

un po’ di vino bianco.

 

Tritare lo scalogno e farlo imbiondire sul fuoco con una piccola noce di burro e olio extra vergine d’oliva.

Aggiungere e far tostare il riso. Bagnarlo con il vino poi continuare con il brodo vegetale, un ramaiolo alla volta. Girare costantemente il riso.

Dopo cinque minuti unire la mezza pera tagliata a pezzetti (da valutare la consistenza del frutto, se è abbastanza maturo si può mettere a metà cottura del riso).

A fine cottura unire il taleggio e il parmigiano, mantecare.

Impiattare e decorare con le noci tritate e il timo.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Risotti