Pasta con triglie, olive e capperi

image

image

Ingredienti per una persona

80 g di linguine

una triglia non troppo piccola

una manciata di olive nere

e una di capperi salati

pomodori

prezzemolo

uno spicchio d’aglio

vino bianco

olio extravergine d’oliva,

sale

image

Tritare l’aglio e metterlo in padella con l’olio a fuoco basso.

Aggiungere capperi e olive nere tagliati a pezzetti.

image

Unire la polpa della triglia spezzettata e ben sliscata.

image

Far cuocere. Bagnare con un po’ di vino bianco. Se necessario aggiungere dell’acqua di cottura della pasta.

Fare a  pezzetti i pomodori e unirli al sugo. Aggiustare il sale.

image

Scolare la pasta e saltarla in padella col sugo di triglia, aggiungendo il prezzemolo tritato.

Servire.

image

image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Pasta al baccalà/2

image

Ingredienti per una persona

pasta tipo calamarata, 90 g

150 g di baccalà ammollato

un pezzo di porro

3-4 pomodorini tipo ciliegino

prezzemolo

vino bianco

olio extravergine d’oliva 

a piacere, un goccio di latte

image

Tagliare a rondelle il porro e metterlo in padella con l’olio, cuocere a fuoco basso così che si ammorbidisca ma non soffrigga.

image

Tagliare il baccalà a pezzetti e aggiungerlo al porro, far arrostire leggermente e poi sfumare con il vino. Coprire.

Buttare la pasta.

Unire i pomodori e il prezzemolo al baccalà.

Quasi a fine cottura, se piace, e si vuole il sugo più “pastoso”, aggiungere un po’ di latte.

image

Scolare la pasta e unirla al sugo.

imageimageimage

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Paccheri/pasta tipo calamarata al sugo di baccalà-1

image

Ingredienti per una persona

150 g (o più) di baccalà dissalato

uno spicchio d’aglio

olio extra vergine d’oliva

vino bianco

3-4 pomodori ciliegino

salvia

una manciatina di pinoli

una manciatina di capperi salati

peperoncino o olio piccante

sale

image

Tenere un paio di giorni il baccalà in acqua, cambiata diverse volte, a dissalare.

Dorare i pinoli.

Mettere in una padella, a fuoco basso, l’aglio spezzettato con l’olio.

Appena inizia a imbiondire, aggiungere il baccalà tagliato a pezzetti.

Saltarlo per alcuni minuti e sfumare con il vino bianco.

image

Unire la salvia, i pomodorini e, poco dopo, i capperi dissalati.

Se non abbiamo l’olio piccante da unire alla fine a crudo, mettere un po’ di peperoncino.

Far cuocere. Se asciuga troppo bagnare con un altro po’ di vino o dell’acqua calda.

image

Nel frattempo buttare la pasta.

Scolarla e metterla in padella.

image

Impiattarla e spargere i pinoli sopra la pasta.

imageimageimageimage

Un mazzolino di bucaneve per la mia amica Nuvola che mi ha suggerito quest’ottima ricetta! Grazie

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei, Secondi di carne di manzo

Pici o spaghettoni al pesto di noci e pecorino

Ingredienti per due persone

image

10 noci

image

pecorino stagionato (anche piccoli avanzi)

uno spicchio d’aglio

olio extra vergine d’olivo

sale e pepe

basilico o menta preferibilmente freschi

(ho provato con il secco e il sapore cambia molto ma il risultato è sempre ottimo)

image

Schiacciare le noci secche e tritare la parte edibile; io lo faccio con la mezzaluna perché, come sempre, preferisco che gli ingredienti di sentano e si riconoscano nella salsa.

image

Tritare con le noci alcune foglie di basilico o menta e lo spicchio d’aglio.

Unire il pecorino grattugiato, il sale e il pepe.

Mischiare.

Condire con l’olio d’oliva.

image

Cuocere la pasta.

Scolare e condirla con il pesto.

image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure, Senza categoria

Analisi del 2015

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

Un “cable car” di San Francisco contiene 60 passeggeri. Questo blog è stato visto circa 3.200 volte nel 2015. Se fosse un cable car, ci vorrebbero circa 53 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Lascia un commento

Archiviato in Senza categoria

Peperoni piccoli ripieni

image

 Con gli ingredienti classici per i ripieni utilizzati dalle donne della mia famiglia di possono fare molte verdure al forno.

Carne macinata, manzo e/o maiale; formaggio grana; un uovo; bietola lessata; ricotta o mollica di pane bagnata nel latte; sale.

image

Peperoni (da qualche tempo per farli ripieni utilizzo quelli piccoli che cuociono bene e più velocemente).

image

Mischiare tutti insieme gli ingredienti e riempire i peperoni.

imageimage

Condire con un filo d’olio e mettere in forno a 180′, finché i peperoni non risultino ben cotti.

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", Secondi di carne di maiale, Secondi di carne di manzo, Secondi di verdure

Vitella ai sette sapori

image

È una ricetta a base di carne della mia infanzia. Andava per la maggiore perché era servita sulla tavola della Pensione Rosa, un piccolo albergo del mio paese dove, chi poteva, veniva a villeggiare in montagna dalle città vicine, soprattutto da Firenze. Negli anni cinquanta e sessanta arrivavano con le valigie in pullman o in taxi e rimanevano quassù anche un mese. Davvero altri tempi!

Ingredienti

Un girello di vitella (circa 1 kg)

image

una cipolla

due spicchi d’aglio

due/tre acciughe sotto sale

capperi

un cucchiaio d’aceto

burro

latte

Legare il girello, affinché tenga la forma, e metterlo dentro un tegame con tutti gli altri ingredienti.

Lasciar cuocere per un paio d’ore.

image

Togliere la carne, lasciarla freddare e poi tagliarla a fette sottili.

image

Frullare il sugo della pentola.

image

Mettere la carne a strati, bagnati dal sughetto, nel piatto di portata.

image

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", Secondi di carne di manzo

Caserecce con verdure e cavolo

Quest’anno ho provato a coltivare oltre al cavolo nero anche quello viola,

ne ho utilizzato un po’ per fare una pasta vegetale.

image

Ingredienti

caserecce, 80 g a persona

cavolo viola

cavolo nero (2 foglie a persona)

image

una patata e una carota piccole a persona

un cipollotto

image

olio extra vergine d’oliva

Aglio, sale e peperoncino

pecorino romano

Pulire, lavare e tagliare a strisce il cavolo nero e a pezzetti le altre verdure.

Mettere a bollire l’acqua per la pasta, unire il cavolo nero e lasciarlo a lessare per una ventina di minuti. Aggiungere le verdure e poi la pasta.

image

Intanto mettere l’olio in padella con l’aglio schiacciato e il cipollotto fatto a rondelle.

Togliere l’aglio dopo 5 minuti facendo in modo che non annerisca e lasciare cuocere il cipollotto a fuoco lento, magari aggiungendo un po’ d’acqua.

Unire al cipollotto la pasta e le verdure scolate, una macinata di peperoncino e mischiare bene.

Aggiungere il formaggio grattugiato. Servire.

imageimage

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure

Risotto di zucca delica mantovana e toma

image image

image

Ingredienti

riso arborio, 80 g a persona

zucca

scalogno

toma

olio extra vergine d’oliva

una manciata di parmigiano reggiano

brodo vegetale

sale

Preparare la zucca eliminando la buccia e tagliandola a quadretti.

image

Tritare lo scalogno e metterlo a imbiondire in due cucchiai di olio extra vergine d’oliva.

Aggiungere il riso e lasciarlo insaporire con lo scalogno.

Unire quasi tutta la zucca, girare di tanto in tanto bagnando con il brodo necessario un po’ alla volta.

Nel frattempo saltare in padella, con un po’ d’olio, i pezzetti di zucca rimasti finché non siano leggermente croccanti.

Poco prima che il riso sia cotto aggiungere la toma fatta a pezzetti, il parmigiano e mischiare bene.

Mettere nel piatto e decorare con la zucca saltata in padella.

image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Risotti

Sogliola al piatto… Con le verdure

Lo so, è un piatto semplice… un po’  da “malati” 🙂 ma a me piace mangiarlo di tanto in tanto.

Cucino la sogliola intera a cui è stata tolta solo la pelle.

Nella ricetta base condisco la sogliola con il sale, l’olio, il prezzemolo, il limone (a volte metto una macinata di pepe o un pizzico di timo). Poi copro il piatto con carta alluminio e lo posiziono su una pentola che sta bollendo. Cuocio la sogliola dai venti ai trenta minuti.

A volte aggiungo delle verdure che cuociono al vapore con la sogliola.

Faccio a pezzetti la carota, la patata, la cipolla…(lo zucchino, il pomodoro o la verdura che ho a disposizione) e le unisco alla sogliola.

image image

Condisco il tutto con olio, sale e prezzemolo.

image image

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", secondi di pesce, Secondi di verdure