Archivi tag: fagioli borlotti

Fagioli e tonno…

image

Iris germanico

Da noi si chiamavano Rose Coltelle o Giaggioli

Quando si cuociono i fagioli è sempre meglio farne un po’ di più…

imagePer la cottura dei fagioli vedi “Farinata o minestra di fagioli e cavolo nero” 1 e 2.

Insomma, se si hanno i fagioli lessati si può fare un buon secondo.

image

Scolare i fagioli, tagliare a fettine un pomodoro

image

aggiungere un po’ di cipollina fresca e del tonno

image

condire con olio extra vergine d’oliva, sale e pepe.

image

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", S.O.S Studenti Fuori Sede, Secondi veloci, SOS- Studenti Fuori Sede, secondi

Farinata di cavolo nero e fagioli, con farina di granturco -1

Anche questa è una ricetta d’altri tempi, i suoi ingredienti erano facilmente reperibili da chiunque qui in montagna.

Il cavolo nero attraversa l’inverno. Spavaldo affronta le intemperie e aspetta la neve così che questa lo protegga dal freddo più rigido. Appena la neve si scioglie riappare col suo fusto duro e si arricchisce di teneri germogli e foglie primaverili.

image

Ecco le foglie ributtate, i germogli saranno i prossimi a diventare zuppa o parte di un’insalatina.

I fagioli, in particolare i maculati borlotti, venivano raccolti e cucinati freschi d’estate, mentre si aspettava che il baccello seccasse se si volevano tenere per l’inverno. In tutte le sue varietà, i fagioli erano considerati la bistecca dei poveri.

image

Ingredienti

Cavolo nero, un mazzo;

3 etti di fagioli secchi (borlotti e/o cannellini, se avanzano si possono sempre mangiare conditi con olio e sale);

farina di mais;

Salvia e rosmarino, aglio, una foglia d’alloro;

carota, sedano, cipolla, pomodoro (o un paio di cucchiai di passata)

Come si procede

Si mettono a bagno i fagioli secchi la sera prima. La loro cottura è particolarmente lunga.

Si pulisce il cavolo nero, togliendo la costa centrale e lavandolo con cura.

Si mettono a cuocere i fagioli con aglio, salvia, rosmarino e una piccola foglia d’alloro, un pizzico di sale.

image image

Si mettono a cuocere anche le foglie di cavolo nero, leggermente salate.

Si pulisce e trita tutto l’occorrente per il leggero soffritto: carota, sedano, cipolla, salvia e rosmarino.

image

Si toglie il cavolo cotto dall’acqua (che teniamo da parte per aggiungerla successivamente al minestrone), si taglia a striscioline e si butta nel soffritto.

image

Si prendono un po’ di fagioli cannellini e un po’ di borlotti e si passano al passaverdure, si aggiungono al soffritto e al cavolo, quando necessario si aggiunge anche l’acqua del cavolo. Si continua la cottura.

Si aggiungono i fagioli interi.

Quando la minestra ha preso un buon sapore si regola il sale e si buttano alcune manciate di farina di mais. Si gira in modo deciso e si aspetta che sia cotta. Si serve in tavola aggiungendo nel piatto pepe macinato fresco e un filo di olio extra vergine d’oliva.

image image

Se ne avanza, il giorno dopo può essere riscaldata anche in padella.

image

Se la farina di mais fosse stata in quantità maggiore si poteva anche… (continua…);-)

4 commenti

Archiviato in Minestre di legumi, Minestre e farinate con legumi e cavolo, Vecchi Mangiari