Archivi tag: pecorino

Minestra di lenticchie e riso

 

Ingredienti per due persone

150 g di lenticchie

100 grammi di riso

un pezzetto di cipolla

uno spicchio d’aglio

tre foglie di salvia

un piccolo ciuffo di prezzemolo

un pezzo di costola di sedano

alcuni pomodori maturi

pecorino grattugiato (o parmigiano)

olio extra vergine d’oliva (un tempo in montagna non veniva usato l’olio d’oliva ma il lardo o la cotenna di prosciutto, in ogni casa, infatti, era allevato un maiale che permetteva di mangiare un po’ di carne a, quasi, tutti)

Preparazione

Preparare un battuto di aglio, prezzemolo, salvia e cipolla. Farlo rosolare nell’olio  e intanto mettere a scaldare dell’acqua.

Unire il sedano e i pomodori fatti a pezzetti.

Aggiungere l’acqua calda e le lenticchie; lasciar cuocere a fuoco basso.

Quando le lenticchie saranno diventate morbide aggiungere il riso e terminare la cottura (i tempi sono legati alle dimensioni delle lenticchie e al tempo di cottura del riso che si trova sulla confezione).

Mettere nel piatto la minestra e condire con il pecorino grattugiato.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Minestre di legumi

Vecchi mangiari: il PAGNONE

7F9C28F5-D191-4F6C-8788-C07873517D83Pagnone (pammolle)

Per non buttare via nulla e riutilizzare il pane raffermo.

BC42756A-D106-4172-A958-6170EF31E098

 

Ingredienti
2 fette di pane toscano alte circa due cm
olio extra vergine d’oliva
formaggio grattato (Pecorino? Grana?)
acqua e sale (o brodo caldo)

7F9C28F5-D191-4F6C-8788-C07873517D83

Come si fa
Far bollire l’acqua con il sale, se ci fosse andrebbe bene anche un buon brodo di carne o verdure.

507BDFA6-0CB6-4E34-BD71-8C3BEC16573D

Quando l’acqua bolle, spengere ed immergervi, per due minuti, le fette di pane.
Scolare, sistemare le fette in un piatto e condire con olio e formaggio

85749AC9-997B-49A3-9105-CAF20C95EEF4

104A9955-2BAF-4DE7-BED8-EAFC924747E6

Il Pagnone con l’uovo

di nonno Alberto

INGREDIENTI
Pane raffermo
brodo
olio extra vergine d’oliva
sale
parmigiano grattugiato, ma prima si usava il pecorino.
un uovo

Come si fa
Mettere il pane raffermo in un piatto; aggiungere del brodo caldo.
Rompere l’uovo e buttarlo nel brodo (l’albume si rapprende con il caldo).
Condire con olio e formaggio.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Minestre e farinate con legumi e cavolo, Primi veloci, Vecchi Mangiari

Pesto al cavolo nero toscano

“…e a me che sembrava d’aver avuto un’idea originale!” :-/ 

image image

imageDa alcuni giorni occhieggiavo i miei cavoli neri che avevano ributtato delle belle foglioline, apparentemente molto tenere, e pensavo che cosa ne potessi fare!

image

Faccio di tanto in tanto dei condimenti col cavolo nero ma oggi volevo fare qualcosa di nuovo… un condimento che facesse sentire la toscana in bocca.

image

Allora ho pensato ad un pesto. Ho temuto che schiacciando al mortaio il cavolo nero venisse un pesto con un sapore troppo forte e quindi ho deciso di dargli una leggera sbollentata in acqua e sale.

Poi ho fatto un pesto classico, solo che al posto del basilico ho messo il cavolo nero.

Ingredienti ad occhio

cavolo nero;

noci e pinoli;

peperoncino

uno spicchio d’aglio

formaggio parmigiano e pecorino;

olio extra vergine d’oliva.

Sale

Come ho fatto

Dopo aver scottato per alcuni minuti il cavolo, l’ho scolato,  raffreddato e strizzato bene bene. Non amando particolarmente gli attrezzi elettrici, l’ho tritato con la mezzaluna sul tagliere di legno.

image

Ho tritato anche le noci e i pinoli,…

image

…il peperoncino (poco) e l’aglio.

image

Ho grattugiato il formaggio.

Ho unito tutti gli ingredienti con l’aiuto dell’olio d’oliva.

image image image

Ho aggiustato il sale.

 image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure