Archivi tag: pomodoro

Risotto al nero di seppia

Un ringraziamento speciale va a mia cugina Cecilia per questa ricetta davvero ottima.

Ingredienti per due persone

180 g di riso per risotti

una seppia con il suo nero non troppo piccola

image

due cipolle

un pomodoro

olio extravergine d’oliva

sale

pepe

un pezzetto di burro

(un po’ di scarti di pesce per il brodo)

Pulire la seppia da tutte le parti più dure e dalla pelle. Togliere con attenzione la vescichetta del nero e metterla da parte in una tazza.

Tagliare la seppia e pezzi e metterla in pentola con acqua leggermente salata, una cipolla e il pomodoro; se ce l’abbiamo, possiamo aggiungere al brodo un po’ di scarti di pesce o crostacei. Far bollire lentamente.

Mettere dell’acqua tiepida nella tazza con il nero e sbattere bene.

Dopo circa un’ora scolare il brodo. Prendere la seppia, tritarla o/e spezzettarla e metterla nella pentola, dove prepareremo il risotto, con la cipolla tritata e l’olio.

image

Aggiungere il riso e farlo insaporire.

Procedere come in qualsiasi altro risotto, girando spesso e aggiungendo il brodo caldo quando sia necessario, quasi a fine cottura unire il nero.

Quando il riso è cotto mettere il burro. Mantecare. Impiattare e condire con una macinata di pepe nero.

imageimage

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Pasta al baccalà/2

image

Ingredienti per una persona

pasta tipo calamarata, 90 g

150 g di baccalà ammollato

un pezzo di porro

3-4 pomodorini tipo ciliegino

prezzemolo

vino bianco

olio extravergine d’oliva 

a piacere, un goccio di latte

image

Tagliare a rondelle il porro e metterlo in padella con l’olio, cuocere a fuoco basso così che si ammorbidisca ma non soffrigga.

image

Tagliare il baccalà a pezzetti e aggiungerlo al porro, far arrostire leggermente e poi sfumare con il vino. Coprire.

Buttare la pasta.

Unire i pomodori e il prezzemolo al baccalà.

Quasi a fine cottura, se piace, e si vuole il sugo più “pastoso”, aggiungere un po’ di latte.

image

Scolare la pasta e unirla al sugo.

imageimageimage

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Paccheri/pasta tipo calamarata al sugo di baccalà-1

image

Ingredienti per una persona

150 g (o più) di baccalà dissalato

uno spicchio d’aglio

olio extra vergine d’oliva

vino bianco

3-4 pomodori ciliegino

salvia

una manciatina di pinoli

una manciatina di capperi salati

peperoncino o olio piccante

sale

image

Tenere un paio di giorni il baccalà in acqua, cambiata diverse volte, a dissalare.

Dorare i pinoli.

Mettere in una padella, a fuoco basso, l’aglio spezzettato con l’olio.

Appena inizia a imbiondire, aggiungere il baccalà tagliato a pezzetti.

Saltarlo per alcuni minuti e sfumare con il vino bianco.

image

Unire la salvia, i pomodorini e, poco dopo, i capperi dissalati.

Se non abbiamo l’olio piccante da unire alla fine a crudo, mettere un po’ di peperoncino.

Far cuocere. Se asciuga troppo bagnare con un altro po’ di vino o dell’acqua calda.

image

Nel frattempo buttare la pasta.

Scolarla e metterla in padella.

image

Impiattarla e spargere i pinoli sopra la pasta.

imageimageimageimage

Un mazzolino di bucaneve per la mia amica Nuvola che mi ha suggerito quest’ottima ricetta! Grazie

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei, Secondi di carne di manzo

Panzanella della mi’ mamma

image

Ingredienti

3 etti di pane toscano raffermo

due pomodori

un cetriolo

una cipolla

basilico

una scatoletta di tonno sott’olio

(alcune foglie di insalata)

olio extra vergine d’olive

aceto di vino bianco

sale

image

image

Tagliare a pezzi il pane, coprirlo con acqua fredda.

Lavare e tagliare i pomodori, il cetriolo e la cipolla.

imageimageimage

Aggiungere alcune foglie di basilico fresco spezzettate a mano.

E qui, nella ricetta classica, terminano le verdure.

Mia mamma aggiungeva alcune foglie di insalata tagliate a striscioline.

image

Il pane, intanto, si sarà ben ammollato, prenderne un po’ alla volta e strizzarlo bene con le mani.

imageimage

Unire il pane alle verdure poi condire con olio, aceto (se piace) e sale.

A questo punto la panzanella, piatto antico, è pronta.

image

Attualmente si usa aggiungerci una scatoletta di tonno sott’olio.

imageimageimage

La panzanella è un ottimo piatto unico, molto fresco, adatto alla stagione estiva.

Lascia un commento

Archiviato in Primi a base di pesce, Vecchi Mangiari

Pomodoro e mozzarella

image image

Ingredienti

pomodori (in questo caso, quasi, neri… Veramente ottimi!)

una mozzarella a persona

olio extra vergine d’oliva

origano (anche secco)

basilico

sale

image

Lavare e tagliare i pomodori a fette, distendere le fette nel piatto, salare leggermente, unire un pizzico di origano.

Tagliare a fette la mozzarella, con questa coprire i pomodori, condire con olio, origano e basilico.

image

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", Secondi di verdure, Secondi veloci

Calamari in guazzetto

image

Ingredienti per due persone

sei etti di calamari

un cipollotto fresco

uno spicchio d’aglio

prezzemolo e timo

un pomodoro maturo

vino bianco

olio extra vergine d’oliva

sale

image

Pulire, lavare e fare a rondelle il sacco dei calamari, togliere il becco duro.

Tagliare a fettine il cipollotto e pezzettini lo spicchio d’aglio; metterli in padella con l’olio. Quando la cipolla è leggermente imbiondita aggiungere i calamari, il timo e il prezzemolo. Bagnare con un po’ di vino.

Unire il pomodoro fatto a pezzetti e privato dalla buccia, salare.

Girare e far cuocere per circa mezz’ora, nel frattempo si sarà formato sul fondo un sughetto denso. Durante la cottura se il sugo si addensa troppo aggiungere un  goccio d’acqua.

image

image

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", secondi di pesce

Stringhe, serpenti, fagiolini di San’Anna in umido

Sono fagiolini verde scuro molto lunghi, tipici delle province del nord della Toscana.

Non è un classico della Montagna Pistoiese, dove vivo, ma si trovano con facilità dagli “ortolani”, al mercato, in estate. Si presentano raccolti in mazzetti.

image image

Ingredienti

Un paio di mazzetti di fagiolini

una cipolla

un pezzo di gambo di sedano

due spicchi d’aglio

una carota

tre/quattro pomodori

olio extra vergine d’oliva

sale

(a piacere un po’ di brodo anche vegetale)

Fare un trito con gli “odori” (si chiamano così, nella mia zona, le verdure per il soffritto): spicchi d’aglio, cipolla, sedano, carota. Mettere gli odori tritati in una pentola piuttosto grande con l’olio. Io preferisco aggiungere un po’ d’acqua per rendere il soffritto più leggero.

image

Pulire, togliere la buccia, se non piace,  e fare a pezzi i pomodori. Unirli al soffritto.

Aggiungere i fagioli a stringa, puliti e lavati.

Girare e coprire i fagiolini con l’acqua (con acqua e brodo, se ne abbiamo).

Far prendere il bollore, poi abbassare, coprire e far cuocere lentamente finché l’acqua è ritirata oppure i fagiolini sono cotti (se c’è ancora molta acqua alzare il fuoco e farla ritirare velocemente). La mia cottura è piuttosto lunga, 2-3 ore.

imageimage

È ottimo mangiare le stringhe in umido accompagnate a formaggi freschi, in particolare stracchino o squacquerone.

Lascia un commento

Archiviato in Secondi di verdure

Insalata di polpo

Ho utilizzato un polpo surgelato di circa otto etti, messo in acqua fredda con due foglie di alloro, cipolla, sedano, gambi di prezzemolo, carota e un pizzico di sale, portato al bollore, fatto cuocere per 40 minuti e lasciato a raffreddare nella sua acqua. È venuto morbido e delicato… Questa volta sono stata fortunata!

image

INGREDIENTI 

Un polpo di circa un chilo

alloro,  carota, cipolla

un cuore di sedano più un pezzo di costola più dura

2-3 pomodori costoluti non troppo maturi

olive taggiasche sott’olio

capperi salati

prezzemolo, menta image

un limone

olio extra vergine d’oliva

Sale e pepe

 

Lessare il polpo e farlo raffreddare nella sua acqua; quando è freddo eliminare pelle e ventose e tagliarlo a striscioline e rondelle.

image

 

Lavare il cuore del sedano, tagliarlo a fettine e buttarlo in acqua bollente per un minuto, scolarlo, raffreddarlo e aggiungerlo al polpo.

imageimage

 

Tritare il prezzemolo, la menta, la scorza del limone le olive e i capperi; aggiungere tutto al polpo.

imageimage

Lavare i pomodori, tagliarli a pezzi e aggiungerli.

Emulsionare il succo di mezzo limone con olio e sale; condire e girare per mischiare bene tutti gli ingredienti.

image

Lascia un commento

Archiviato in secondi di pesce

Pasta con ceci e spinaci

La pasta si può davvero fare con tutto! Un po’ di ceci avanzati e una manciata di spinaci permettono di preparare in pochi minuti, mentre cuoce la pasta, un buon piatto anche quando si è soli e non si ha  troppa voglia di cucinare.

Ingredienti per una persona

Una manciata di ceci cotti;

4-5 piantine di spinaci;

un pomodoro piccolo;

aglio, sale, peperoncino;

olio extra vergine d’oliva;

tagliatelle all’uovo (ma va bene qualsiasi pasta ci piaccia) 80 grammi.

image

Fare insaporire i ceci in olio con aglio e peperoncino.

image

Aggiungere il pomodoro e gli spinaci ben puliti, farli cuocere alcuni minuti.

Nel frattempo cuocere la pasta, scolarla e unirla alle verdure in padella.

image

Lasciarla insaporire sul fuoco e poi impiattare.

imageimage

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure, Primi veloci

Cozze, muscoli, mitili!

Adoro le cozze, sia quelle belle grosse e corpose sia quelle piccole e saporite spezzine… Quando le vedo in quelle retine colorate, sterilizzate e ionizzate, mi viene l’acquolina in bocca! Le adoro cucinate in ogni modo: alla marinara, impepate, ripiene, con la pasta, …

Alcuni giorni fa, ero sola e mi è venuto voglia di mangiarne un po’… Dopo averne fatto un bel piatto alla marinara…

image image image

…con fette di pane arrostite e inagliate, dietro suggerimento del mio pesciaio ho provato a realizzare una monoporzione di tiella pugliese, il risultato è stato davvero ottimo!

Dopo aver pulito bene e lavato le cozze (tutte) ho iniziato a prepararle alla marinara ed appena si sono aperte ne ho tolte una dozzina. Facendo così non ho dovuto ammattire ad aprirle col coltellino.

Ho eliminato una valva e le ho messe da parte per la sera.

@@@

Come preparare la TIELLA (per una persona)

Mettere in ammollo 80 g di riso per circa un’ora.

Preparare un brodetto di pesce con teste e avanzi, di pesci e crostacei, con l’aggiunta degli odori (carota, sedano, cipolla, timo,…)

image

Sbucciare 1-2 patate, pulire una cipolla, lavare 1-2 pomodori.

Pulire e lavare un ciuffo di prezzemolo, sbucciare un aglio.

Tritare il prezzemolo, affettare in modo sottile (magari con una mandolina) le patate, la cipolle, l’aglio e i pomodori.

In una teglia mettere un po’ di cipolla sopra un filo d’olio extra vergine d’oliva.

image

Coprire con uno strato di patate e uno di pomodori, condire con il prezzemolo tritato, qualche filo di cipolla e fettina d’aglio. Salare e impepare.

image

image

Unire le cozze.

image

Coprire con il riso.

image

Condire lo strato con un po’ di prezzemolo, cipolla e aglio.

Coprire con un nuovo strato di patate e uno di pomodori. Salare e impepare.

Aggiungere uno strato di reggiano o pecorino grattugiati.

image image

Coprire con del pangrattato (anche con aggiunta di aromi).

Filtrare il brodetto e aggiungerne un po’ sul fondo della tiella

facendolo scivolare lungo il bordo della teglia.

Mettere in forno caldo a 200′ per circa un’ora

image image image

È davvero un ottimo piatto unico!

Lascia un commento

Archiviato in Primi a base di pesce, molluschi, crostacei, Risotti