Archivi tag: radicchio rosso

Insalata di pomelo, radicchio e gamberetti

Il pomelo è un grosso agrume originario della Cina. Sembra che negli ultimi mesi abbia “invaso” i supermercati del nostro Paese.

Ha un profumo delicato e gradevole, la buccia è liscia o/e verdina, la polpa va dal giallo paglierino al rosa fino al rosso ed è piuttosto asciutta; la parte bianca sotto la buccia è spugnosa e abbondante.

Ecco come si pulisce

La polpa, per essere mangiata, deve essere liberata dalla “pelle” che è abbastanza coriacea.

Per questa insalata la polpa del pomelo deve essere tagliata a pezzettini…

Si possono aggiungere degli spicchi di arancio spellati.

Uniamo dei gamberetti (surgelati o freschi senza carapace) bolliti per alcuni minuti.

Laviamo e tagliamo a fette molto sottili due finocchi e un piccolo cesto di radicchio rosso. Aggiungiamoli ad agrumi e gamberetti.

 

Condiamo tutto con olio extra vergine d’oliva, aceto balsamico, sale, pepe e arricchiamo con semi di zucca decorticati.

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Secondi di verdure

Pasta al tonno fresco e radicchio rosso

La metà della settimana, relativamente al cibo, è il periodo che preferisco perché vado al mercato e compro il pesce fresco!

Oggi ho provato a preparare un primo a base di tonno e, avendolo in casa, ho pensato di aggiungerci del radicchio rosso trevigiano… l’esperimento sembra riuscito. 

Ingredienti per due persone

170 grammi di pasta corta;

una fetta di tonno di circa 150 grammi;

radicchio rosso trevigiano (ma credo possa andar bene anche quello di Chioggia);

scorza di limone;

un piccolo scalogno;

uno spicchio d’aglio;

timo;

due cucchiai di olio extra vergine d’oliva;

vino bianco, una spruzzata;

sale e pepe.

image

Come ho fatto:

ho lavato il tonno e l’ho fatto a pezzettini piuttosto piccoli.

Ho lavato e asciugato mezzo cespo di radicchio e il limone. Ho pulito lo scalogno e l’aglio. Ho messo l’acqua per la pasta.

Ho tritato l’aglio, lo scalogno e un po’ di scorza di limone e poi ho messo il trito in padella con l’olio. L’ho lasciato un po’ appassire poi ho dovuto aggiungere un po’ d’acqua calda per non farlo abbrustolire.

Ho aggiunto il tonno, il timo e il radicchio tagliato a listarelle, ho bagnato il tutto con una spruzzata  di vino bianco.

image

L’ho fatto “andare” per qualche minuto. Il tonno non deve cuocere molto perché rischia di diventare duro, io comunque assaggio sempre per sicurezza.

Ho aspettato che la pasta fosse cotta al dente, l’ho scolata e buttata in padella, dove l’ho fatta saltare sul fuoco con il suo sughetto. Alla fine ho aggiunto una macinata di pepe in grani.

image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei