Archivi tag: timo

Calamari ripieni 2…

Il calamaro ha le pinne disposte a rombo e arrivano fino alla metà del sacco

Ingredienti

2 calamari a persona

pane raffermo

prezzemolo

scorza di limone

un uovo

vino bianco

passata di pomodoro (o pomodori freschi maturi)

una cipolla piccola e/o uno spicchio d’aglio

un rametto di timo (o qualche foglia di menta)

olio extra vergine d’oliva

sale e pepe qb

Come si fa

Pulire i calamari, staccare le teste e le pinne, lavare bene tutto perché talvolta in fondo al sacco rimane della sabbia.

Eliminare gli occhi e il becco, tritare il resto insieme alle pinne.

Tritare anche il prezzemolo e la scorza di limone (se piace aggiungere anche un pezzetto di aglio).

Unire le parti tritate dei calamari al prezzemolo e alla scorza, aggiungere un uovo, il pane raffermo spezzettato, qualche fogliolina di timo, un cucchiaio di olio extra vergine, sale e pepe.

Riempire con questa farcia i sacchi e chiuderli con uno stecchino.

Bucare i sacchi con i rebbi della forchetta affinché durante la cottura non scoppino.

 

 

Affettare finemente la cipolla e il resto dell’aglio, farli rosolare con l’olio in padella.

Unire i calamari, bagnare con il vino bianco poi aggiungere qualche cucchiaio di passata di pomodoro (se piace, altrimenti si può finire la  cottura anche in bianco, in questo caso si possono mettere in forno).

 

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Secondi di mare

Al contadino non far sapere quanto è buono il cacio con le pere… Risotto formaggio e pere

Ingredienti per una persona

Con taleggio

Con il Brie

70 g di taleggio o Brie

20 g di parmigiano grattugiato

mezza pera abate

un piccolo scalogno

mezzo bicchiere di riso arborio (circa 90 g)

due noci

timo

una noce di burro

olio extra vergine d’oliva

brodo vegetale

un po’ di vino bianco.

 

Tritare lo scalogno e farlo imbiondire sul fuoco con una piccola noce di burro e olio extra vergine d’oliva.

Aggiungere e far tostare il riso. Bagnarlo con il vino poi continuare con il brodo vegetale, un ramaiolo alla volta. Girare costantemente il riso.

Dopo cinque minuti unire la mezza pera tagliata a pezzetti (da valutare la consistenza del frutto, se è abbastanza maturo si può mettere a metà cottura del riso).

A fine cottura unire il taleggio e il parmigiano, mantecare.

Impiattare e decorare con le noci tritate e il timo.

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Risotti

Pasta con gli scampi

Simile procedimento della Pasta con le cicale può essere utilizzato per gli scampi.

Ingredienti per due persone

400 grammi di Scampi;

180 g di caserecce;

uno spicchio d’aglio;

una cipolla;

prezzemolo;

carota e sedano;

pomodori  ciliegini o datterini;

un rametto di timo;

mezzo bicchiere di vino bianco;

olio extra vergine d’oliva;

sale e un pizzico di peperoncino.

Lavare e eliminare il carapace agli scampi (lasciarne alcuni pezzi per far capire di quale crostaceo si tratti)

Preparare un brodetto con le teste e i carapaci, mezza cipolla, il sedano, la carota,  il timo e i gambi di prezzemolo.

Tritare la cipolla rimanente e l’aglio, aggiungere alcuni pezzi di scampo, sfumare con il vino. Controllare il sale.

Portare a metà cottura la pasta, scolarla e aggiungerla al condimento.

Scolare il brodo e terminare con esso la cottura della pasta. Poco prima di fine cottura aggiungere la polpa degli scampi, un pizzico di peperoncino in polvere (e i pomodorini fatti a pezzi, se piace).

 

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Zuppetta di moscardini e verdure

image

Ingredienti per due persone

6 etti di moscardini

due patate

due zucchini

pomodori pelati San Marzano (confezione da 400 g)

una cipolla

olio extra vergine d’oliva

peperoncino

un rametto di timo

vino bianco

sale

aglio

fette di pane toscano abbrustolito

image

Pulire, lavare e tagliare a fette sottili la cipolla, metterla in una padella, tipo wok, con olio extra vergine d’oliva e lasciarla ammorbidire.

Pulire, lavare e spezzettare, a piacere, i moscardini; aggiungerli alla cipolla; far cuocere per alcuni minuti e bagnare con il vino bianco.

Appena il vino è ritirato unire il timo e le verdure fatte a pezzetti non troppo piccoli.

Aggiungere i pomodori, il peperoncino e lasciar cuocere a fuoco lento finché i moscardini risultino cotti e il brodetto un po’ ritirato.

Nel frattempo tagliare, abbrustolire e strusciare con l’aglio il pane.

Impiattare e servire.

image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Sogliola al piatto… Con le verdure

Lo so, è un piatto semplice… un po’  da “malati” 🙂 ma a me piace mangiarlo di tanto in tanto.

Cucino la sogliola intera a cui è stata tolta solo la pelle.

Nella ricetta base condisco la sogliola con il sale, l’olio, il prezzemolo, il limone (a volte metto una macinata di pepe o un pizzico di timo). Poi copro il piatto con carta alluminio e lo posiziono su una pentola che sta bollendo. Cuocio la sogliola dai venti ai trenta minuti.

A volte aggiungo delle verdure che cuociono al vapore con la sogliola.

Faccio a pezzetti la carota, la patata, la cipolla…(lo zucchino, il pomodoro o la verdura che ho a disposizione) e le unisco alla sogliola.

image image

Condisco il tutto con olio, sale e prezzemolo.

image image

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", secondi di pesce, Secondi di verdure

Calamari in guazzetto

image

Ingredienti per due persone

sei etti di calamari

un cipollotto fresco

uno spicchio d’aglio

prezzemolo e timo

un pomodoro maturo

vino bianco

olio extra vergine d’oliva

sale

image

Pulire, lavare e fare a rondelle il sacco dei calamari, togliere il becco duro.

Tagliare a fettine il cipollotto e pezzettini lo spicchio d’aglio; metterli in padella con l’olio. Quando la cipolla è leggermente imbiondita aggiungere i calamari, il timo e il prezzemolo. Bagnare con un po’ di vino.

Unire il pomodoro fatto a pezzetti e privato dalla buccia, salare.

Girare e far cuocere per circa mezz’ora, nel frattempo si sarà formato sul fondo un sughetto denso. Durante la cottura se il sugo si addensa troppo aggiungere un  goccio d’acqua.

image

image

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", secondi di pesce

Pasta alle cicale (canocchie, pannocchie)

image

E vabbè, oggi m’è venuto voglia di farla così, coi pomodorini; di solito la preparo senza o  solo con qualche ciliegino messo all’ultimo momento… Le cicale danno, comunque, alla pasta un gran sapore di mare!

In estate sono quasi vuote, ma in inverno e primavera sono molto polpose.

Sono ottime quando hanno le uova, anche se io preferirei non trovarle, perché penso a quante potenziali canocchie ho eliminato in un colpo solo!

La coda presenta due “occhi” bruno-violacei caratteristici e la corazza è grigio biancastra con sfumature rosa.

@@@

Ingredienti per due

8/10 cicale

160 g di linguine

olio extra vergine d’oliva

aglio, timo e prezzemolo

vino bianco

(peperoncino)

(pomodorini, a piacere)

image

Lavare le cicale, tagliarle a metà o fare un taglio nel carapace.

Mettere l’aglio nell’olio e farlo ammorbidire a fuoco basso, insomma, non deve sbruciacchiarsi. Aggiungere le cicale e il timo, unire il vino e farle rosolare.

image

A questo punto io, che amo pulire, mentre mangio la pasta, questi crostacei che hanno un sapore davvero squisito, li porto a cottura, aggiungo il prezzemolo (il pomodoro) e li manteco con la pasta appena scolata. Impiatto.

image

Ma se avete ospiti, e non sapete se amano pulire questi crostacei pian piano nel piatto, vi consiglio di lasciarne intero uno per ogni commensale e pulire gli altri togliendogli la polpa e rimettendola in padella con i pomodori.

C’è anche chi, prima di iniziare la cottura, elimina la testa, le zampette e le aluccie, tagliando poi il carapace per togliere l’intestino.

La prima volta che preparai gli spaghettini alle canocchie seguii la ricetta ufficiale del libro che mi era stato regalato per imparare a cucinare prodotti di mare, visto che pesci, molluschi e crostacei non facevano parte della mia cultura culinaria.

Preparai il soffritto di aglio e prezzemolo tritati.

Vi aggiunsi la polpa delle cicale precedentemente bollite con qualche cucchiaio di brodo di cottura. Unii gli spaghettini molto al dente e terminai la cottura in padella. Anche così il piatto è ottimo perché le cicale hanno davvero una polpa delicatissima. 

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Trabaccolara… Avanzi di pesce, avanzi di pasta per un primo eccezionale!

È davvero un buon sugo di pesce quello che si realizza con gli avanzi o i pesci di scarto, lo preparavano i pescatori con il pesce che non potevano vendere perché sciupato e lo stesso faccio io… Compro i pezzetti di pesce avanzati, quando ci sono, qualunque siano ad un buon prezzo.

Ingredienti per due

Avanzi di pesce tre, quattro etti

image

avanzi di pasta, 160 g

pomodori

aglio

prezzemolo

timo

vino bianco

olio extra vergine d’oliva

sale qb

image

Pulire, spezzettare e lavare il pesce.

Scaldare in padella due spicchi d’aglio schiacciati con l’olio, aggiungere il pesce con il timo e far cuocere. Bagnare con un bicchiere di vino bianco, far evaporare? Girare e schiacciare il pesce finché sia ben cotto. Salare, mettere i pomodori fatti a cubetti e il prezzemolo tritato. Lasciare insaporire alcuni minuti.

Nel frattempo avremo cotto la pasta, la scoliamo e buttiamo in padella. Saltiamo mischiando bene sugo e pasta.

image

image

image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei

Persico infarinato e fritto

Ingredienti: un filetto di pesce persico, un uovo, farina di grano e di granturco, timo e salvia, sale, olio per friggere.

Come si fa

Mischiare farina di mais e farina di grano con due foglie di salvia e del timo tritati.

image image

Lavare e tagliare e pezzetti i persico, sbattere l’uovo con un pizzico di sale.

image image

Mettere il persico nell’uovo e infarinare. Nel frattempo porre la padella con l’olio per friggere sul fuoco.

image image

Friggere il persico e qualche foglia di salvia, buone da mangiare e per decorare.

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", secondi di pesce

Pasta di mare con fiori di zucca

Per fare un sughetto di pesce mi faccio ispirare da quello che vedo dal pescivendolo la mattina.

image

Oggi ho comprato, per due persone, due scampi, due spannocchi (o mazzancolle), quattro calamari, una decina di fiori di zucca.

Poi ho preso prezzemolo, timo, peperoncino, aglio, scorza di limone, vino bianco, 180 grammi di spaghettini, sale, olio extra vergine d’oliva.

Preparazione

image

Ho pulito e lavato i molluschi e i crostacei.

image

Ho tolto il pistillo ai fiori, ho lavato il pomodoro e i fiori.

image

Ho lavato il timo e il prezzemolo.

image

Ho messo in una padella l’olio, la scorza di limone, i gambi del prezzemolo, due peperoncini, due agli a pezzetti ed ho messo sul fuoco.

 Ho aggiunto i frutti di mare e poi un po’ di pomodoro,

image

…il timo, il prezzemolo e successivamente i fiori.

image

Cotta la pasta al dente l’ho saltata in padella.

Ho decorato con un fiore, il prezzemolo e il basilico.

image

image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi a base di pesce, molluschi, crostacei