Archivi tag: uovo

Calamari ripieni 2…

Il calamaro ha le pinne disposte a rombo e arrivano fino alla metà del sacco

Ingredienti

2 calamari a persona

pane raffermo

prezzemolo

scorza di limone

un uovo

vino bianco

passata di pomodoro (o pomodori freschi maturi)

una cipolla piccola e/o uno spicchio d’aglio

un rametto di timo (o qualche foglia di menta)

olio extra vergine d’oliva

sale e pepe qb

Come si fa

Pulire i calamari, staccare le teste e le pinne, lavare bene tutto perché talvolta in fondo al sacco rimane della sabbia.

Eliminare gli occhi e il becco, tritare il resto insieme alle pinne.

Tritare anche il prezzemolo e la scorza di limone (se piace aggiungere anche un pezzetto di aglio).

Unire le parti tritate dei calamari al prezzemolo e alla scorza, aggiungere un uovo, il pane raffermo spezzettato, qualche fogliolina di timo, un cucchiaio di olio extra vergine, sale e pepe.

Riempire con questa farcia i sacchi e chiuderli con uno stecchino.

Bucare i sacchi con i rebbi della forchetta affinché durante la cottura non scoppino.

 

 

Affettare finemente la cipolla e il resto dell’aglio, farli rosolare con l’olio in padella.

Unire i calamari, bagnare con il vino bianco poi aggiungere qualche cucchiaio di passata di pomodoro (se piace, altrimenti si può finire la  cottura anche in bianco, in questo caso si possono mettere in forno).

 

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Secondi di mare

Peperoni piccoli ripieni

image

 Con gli ingredienti classici per i ripieni utilizzati dalle donne della mia famiglia di possono fare molte verdure al forno.

Carne macinata, manzo e/o maiale; formaggio grana; un uovo; bietola lessata; ricotta o mollica di pane bagnata nel latte; sale.

image

Peperoni (da qualche tempo per farli ripieni utilizzo quelli piccoli che cuociono bene e più velocemente).

image

Mischiare tutti insieme gli ingredienti e riempire i peperoni.

imageimage

Condire con un filo d’olio e mettere in forno a 180′, finché i peperoni non risultino ben cotti.

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", Secondi di carne di maiale, Secondi di carne di manzo, Secondi di verdure

Carbonara di zucchini

Credo che fare una carbonara perfetta sia molto difficile o almeno lo è per me.

imageimage

Ingredienti per due persone

170 g di linguine

2/3 zucchini, se hanno i fiori ancora belli usare anche quelli

una cipolla piccola o uno scalogno

Olio extra vergine di oliva

un uovo e un tuorlo

una bella manciata di grana o reggiano

un po’ di panna da cucina

sale e pepe

image

Tagliare a listerelle corte gli zucchini, togliendo un po’ di bianco se è troppo.

Far imbiondire la cipolla a pezzetti nell’olio, poi aggiungere gli zucchini e farli cuocere per pochi minuti affinché rimangano croccanti.

Intanto cuocere la pasta e sbattere insieme le uova, il formaggio, il sale e la panna.

image

Scolare la pasta, buttarla in padella con gli zucchini e aggiungere subito la crema.

Mischiare tutto insieme e servire, se piace, aggiungendo una macinata di pepe.

image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure

Gnudi, ravioli nudi, senza pasta intorno

È un primo piatto tipico del sud della Toscana. Tradizionalmente sulla montagna pistoiese lo stesso impasto è racchiuso nella pasta e va a creare i classici tortelli ricotta e spinaci. Anche qui, come nel senese e grossetano, si viveva di allevamento… e infatti un legame forte con la Maremma c’era, i nostri pastori portavano lì le loro greggi in inverno (transumanza).

image

Senza pasta intorno, gli  gnudi, giocano sulla delicatezza dei sapori e sulla bontà degli ingredienti, pochi e semplici, che uniti insieme regalano un piacere incredibile. “Rappresentano la pura essenza del gusto, sono la sublimazione del tortello!” Cit. da C. Santalmasi (mio figlio 🙂 )

INGREDIENTI PER DUE PERSONE

4 etti di ricotta (mista o di pecora, o quella che ci piace di più)

due palline ben strizzate di spinaci (sempre meglio freschi ma vanno bene anche quelli surgelati)

un uovo

due manciate di grana o reggiano

una macinata di noce moscata

farina (qb)

sale

(la proporzione fra ricotta e spinaci varia secondo i gusti, a scelta possono venire più verdi o più bianchi)

image image

Per il condimento

I condimenti più comuni sono: sugo di pomodoro, burro e salvia, ragù di carne, olio e grana,…

Come si fa

Far asciugare bene la ricotta dall’acquetta che spesso l’accompagna.

Lessare gli spinaci, strizzarli bene e, se necessario, farli asciugare in padella.

Quando sono freddi unirli alla ricotta. Io preferisco non tritarli e far sì che nell’impasto si vedano i pezzetti.

image

Unire l’uovo, il formaggio, la noce moscata e il sale, girare e amalgamare bene gli ingredienti.

image

Prendere la farina. Con le mani infarinate e l’aiuto di un cucchiaio, formare degli ovali ricoperti di farina.
image image

Far bollire abbondante acqua salata.

Quando bolle buttarci, con delicatezza, una parte degli ovali, aspettare che vengano in superficie (solitamente 2-3 minuti) e toglierli uno alla volta con una ramina, farli scolare bene e servire con il condimento preferito.

Conviene cuocerne pochi alla volta affinché il bollore riprenda velocemente e per non rischiare che si sciolgano se stanno troppo nell’acqua.

Aspettare sempre che l’acqua riprenda il bollore prima di cuocere altri gnudi.

image image

Lascia un commento

Archiviato in "Macarò, m'hai provocato e...", Primi di pasta a base di verdure

Pomodori ripieni con il tonno

I più adatti sono i pomodori costoluti, maturi ma non troppo… Non sempre si trovano i pomodori che si preferisce

image

Ingredienti

Quattro/cinque pomodori

una scatoletta di tonno (almeno da 160 g)

prezzemolo e aglio

due uova assodate

maionese

mollica di pane toscano

aceto

olio extra vergine d’oliva

sale

image

Bagnare la mollica del pane con l’aceto, schiacciarla con la forchetta per sbriciolarla.

image

Tritare il prezzemolo con uno spicchio d’aglio e aggiungerlo alla mollica.

Unire le due uova assodate, schiacciandole. Mischiare bene tutto.

image

Sgocciolare il tonno e unirlo agli altri ingredienti.

Condire con l’olio, salare e dargli cremosità con la maionese.

image

Lavare e togliere la calotta del gambo ai pomodori. Svuotarli.

Metterli, per alcuni minuti, con il foro rivolto verso i basso per far scolare bene i liquidi.

Appena sgocciolati, ungerli all’interno con l’olio e salarli leggermente.

Riempirli con il composto preparato.

Decorare con il prezzemolo e/o la maionese e lasciarli riposare per un paio d’ore in frigo.

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", secondi di pesce, Secondi di verdure

Persico infarinato e fritto

Ingredienti: un filetto di pesce persico, un uovo, farina di grano e di granturco, timo e salvia, sale, olio per friggere.

Come si fa

Mischiare farina di mais e farina di grano con due foglie di salvia e del timo tritati.

image image

Lavare e tagliare e pezzetti i persico, sbattere l’uovo con un pizzico di sale.

image image

Mettere il persico nell’uovo e infarinare. Nel frattempo porre la padella con l’olio per friggere sul fuoco.

image image

Friggere il persico e qualche foglia di salvia, buone da mangiare e per decorare.

Lascia un commento

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", secondi di pesce

Calamaro ripieno…

…yummmyyyyyyyy… Oggi ho trovato in pescheria un grosso calamaro…

image

L’ho pulito e lavato.

Ho preparato il ripieno.

Il una terrina ho messo…

image

…una scatoletta di tonno sottolio, del pane raffermo tritato…

image

…un uovo intero, della bietola saltata con aglio e olio,….

image

…i tentacoli tritati, sale, pepe,…

image

…il prezzemolo e ho mischiato tutti gli ingredienti.

Io, di solito, tendo a tritare i vari ingredienti un po’ grossolanamente perché mi piace “sentirli” in bocca.

Ho riempito il calamaro, l’ho chiuso con degli stuzzicadenti; ho fatto dei piccoli fori nel corpo affinché durante la cottura non potesse “scoppiare”.

image

L’ho messo in una pirofila, l’ho salato leggermente, l’ho condito con l’olio e insaporito con il timo.

Se a volte mi avanza del ripieno lo metto nella pirofila insieme al calamaro.

L’ho infornato per circa mezz’ora o finché, bucandolo con uno stuzzicadenti, è risultato morbido.

image

L’ho tagliato a fette e, quando le ho servite  in tavola, le ho condite  con il sughetto rimasto nella teglia.

image

Ingredienti

Un calamaro grosso;

una scatoletta di tonno sottolio da 80 grammi;

pane raffermo tritato (o pangrattato);

uovo;

bietola;

aglio;

prezzemolo;

timo;

olio extra vergine d’oliva;

sale e pepe.

5 commenti

Archiviato in "Con ventiquattromila braciii...", Secondi di mare

Crostini di calamari e gamberi

Questi crostini sono particolarmente buoni se fatti utilizzando come pane una “frusta” (un filoncino?), pane bianco all’olio.

Ci servono:

4/5 calamari;

7/8 code di gambero;

aglio, prezzemolo, timo;

uovo e pangrattato;

olio extra vergine d’oliva;

pane bianco all’olio (frusta? filoncino?);

sale e pepe.

 

Come si fa

Tagliare il pane a fette un po’ alte,  almeno un paio di centimetri, da una parte togliere un pizzico di mollica e metterle ad abbrustolire. Se dimentico di prendere la frusta uso il solito pane toscano ma, in questo caso, lo affetto e non tolgo la mollica.

Pulire e lavare sia i gamberi che i calamari, tritarli.

image

Aggiungere il prezzemolo, l’aglio e il timo tritati e mischiare.

Unire il pangrattato. Si può usare quello già pronto ma, se si avesse tempo, sarebbe meglio passare al mixer del pane raffermo ed utilizzare quello.

Mettere l’uovo e mischiare. Prima di aggiungere l’uovo, quando me lo ricordo, cuocio per qualche minuto il composto in padella perché, mettendone una quantità  abbondante sul pane, l’effetto finale è migliore: cuoce meglio l’interno e l’esterno rimane più morbido.

Salare, senza esagerare, e pepareimage

          imageMettere in forno a 180* ; per quanto riguarda il tempo, questo varia secondo il forno che ciascuno ha ma, diciamo, che quindici/venti minuti sono sufficienti.

                                        image

Lascia un commento

Archiviato in Antipasti, Crostini e crostoni